Settore affascinante, riguardante le grandi opere di interesse storico culturale vincolate dalle Soprintendenze per i beni culturali. I materiale utilizzati per il restauro e conservazione di questi beni  sono il frutto della tradizione e della selezione naturale del tempo che gli hanno resi i migliori per qualità e durabilità, non sono certo il risultato della tecnologia e chimica moderna. Leganti idraulici naturali, sabbie naturali di origine alluvionale, pozzolane naturali coccio pesto, argille e sono gli unici componenti utilizzati nella lunga storia dell’Arte costruttiva con cui si possono creare  premiscelati che  rispecchino la cultura, la storia e la tradizione del paese d’origine.  Per ottenere la massima qualità e costanza da prodotti così naturali e unici, sono stati realizzati impianti produttivi ad hoc in grado di lavorare materie prime con la scrupolosità del passato e precisione moderna. Le malte, così prodotte, sono uniche per qualità, ed  idonee a realizzare opere di restauro in edifici vincolati dalle Soprintendenze per i Beni Culturali. Questa categoria di malte è regolamentata dal  D.L. n° 42/2004; trattandosi infatti di edifici storici di estremo valore, i prodotti debbono avere caratteriste non simili, ma il più possibile identiche alle quelle originali. In casi poi di vere e proprie opere d’arte architettonica i prodotti debbono essere ricreati su misura secondo normativa EN 11189 (Beni Culturali – Malte storiche e da restauro).

Ultime News:

08 Febbraio 2013

Titolo

Contenuto della news, descrizione in breve dell'evento o dell'attività...

Ricerca: